Autore: Laura Girolami

roma-fringe-festival-2020

Il solito dramma familiare

24 giugno 2014 è il giorno in cui gli Azzurri (così vengono soprannominati gli atleti che rappresentano la squadra italiana nelle competizioni calcistiche) perdendo la partita contro l’Uruguay sono estromessi dal Mondiale che stavano disputando in Brasile. Nello stesso giorno in una comunissima cucina viene festeggiata una signora di 90 anni dalla sua famiglia.

roma-fringe-festival-2020

Mille X Una. Ora sugnu talianu

Un ragazzo siciliano di oggi, come ce ne sono tanti, italiano eppure “isolano”, italiano eppure “terrone”, italiano… Uno status comune, a cui non si dà più tanta importanza, ma che è costato caro a chi ha lottato, sperato, creduto, a chi è morto per quel riconoscimento, per quell’ideale. Come Gaetano…

roma-fringe-festival-2020

Prendi i miei vestiti

Elvira cade.
Cade continuamente e non riesce a capire il perché delle sue improvvise cadute. Cerca di indagare assieme al suo compagno, che tipo di malattia abbia potuto contrarre. Non riesce a trovare risposte. Ma Elvira non vuole vedere, è accecata dall’amore. Non vuole ammettere a se stessa che è l’uomo al suo fianco, la vera causa delle sue cadute.

roma-fringe-festival-2020

Il sogno di Gagarin

Importa davvero che Armstrong e Aldrin abbiano messo piede sulla luna? Che loro l’abbiano fatto o no, non è davvero così importante; ciò che conta è che nell’immaginario collettivo noi vediamo Armstrong piantare la bandiera a stelle e strisce. E tanto basta. Un’immagine che ha direzionato la Storia…

roma-fringe-festival-2020

I perdenti di Acapulco

In una squallida saletta del bar dell’Acapulco Plaza Hotel, facciamo la conoscenza di quattro attori piuttosto particolari, impegnati nelle riprese di “Rambo First Blood Part 2”, a noi universalmente noto come “Rambo 2″…

roma-fringe-festival-2020

S’accabadora

Siamo nella tana de s’accabadora. La sua serva, mentre sistema e rassetta la stanza, racconta i fatti della padrona. Attraverso il filtro dei pettegolezzi e dell’amore-odio della serva verso la sua padrona, ecco levarsi l’immagine castigata di Antonia, ora come levadora, ora come incantadora e infine accabadora…

roma-fringe-festival-2020

Penis Project. Per umani migliori

Cinque giovani uomini, prototipi selezionati per rappresentare diverse tipologie maschili, entrano a far parte di un “programma” che potremmo definire di “terapia sociale”, che step by step, li porterà alla liberazione dagli stereotipi…

roma-fringe-festival-2020

Onore clandestino

“Onore Clandestino” è la storia di un giorno qualunque in una guerra silenziosa vissuta da un giovane venditore straniero. È una serie di vicende reali anche se forse mai accadute. È la tenerezza di altri personaggi, in tutta la loro fragilità e forza d’animo. Queste persone sono in grado di cambiare il Mondo, o piuttosto è il Mondo a cambiare loro?

roma-fringe-festival-2020

Nonnetuber

Nonnetuber è uno spettacolo clown che racconta la storia di due nonne: Zoila e Cleo, famose YouTuber e Mayito (il nipote di una di loro) che intraprendono un viaggio per l’Italia alla ricerca di  ispirazioni per arricchire il loro canale…

roma-fringe-festival-2020

Non tutto il male viene per nuocere, ma questo sì

Se la farmacia sotto casa ha creato una raccolta punti apposta per te…
Se sognavi il successo e invece ti conosce solo il tuo panettiere…
Se senti una voce che ti sussurra che tutto andrà male… questo è lo spettacolo per te!

roma-fringe-festival-2020

Monologo schizofrenico (due voci sul T.S.O.)

Vi racconto la storia di Pina, molto meno romanzata che nella realtà. Una bambina che, per sfortuna ed abbandono, finisce per essere presa in carico dalla Psichiatria. Da quel momento, come lei stessa ripete, le si “blocca la crescita”, un po’ per la somministrazione di psicofarmaci, un po’ per l’assenza di cura familiare. E come tanti, fuori dai binari dell’ordine riconosciuto, ripercorre a intermittenza la sua storia drammaticamente vissuta…

L’Italia è una Repubblica affondata sul lavoro. “3,5”

Perché 3,5? Perché “in Italia è di 3,5 la media delle persone che muoiono ogni giorno sul posto di lavoro”. E sono quasi 1.300 le madri che rimangono senza figli.
Una madre, come in un “flash – back a ritroso”, racconta la storia della morte – sul luogo del lavoro – del figlio…

roma-fringe-festival-2020

La difficilissima storia della vita di Ciccio Speranza

Ciccio Speranza è un ragazzo grasso, ma leggero, con un’anima talmente delicata, che potrebbe sembrare quella di una graziosa principessa nordeuropea. Ciccio Speranza finge una villosa eterosessualità con la propria famiglia, ma è un omosessuale fiero e incallito…

roma-fringe-festival-2020

La bestia

Sicilia, anni ’80. Nonostante la lotta alla malavita abbia aperto uno spiraglio di luce, Elettra e Crisotemide vivono in una terra soffocata dalla legge del più forte. La giustizia non è mai stata così vicina eppure sembra irraggiungibile…

roma-fringe-festival-2020

Io sono chi

La scrittura scenica dello spettacolo è la fedele narrazione di quanto emerso dalla ricerca condotta dalla stessa cantattrice Alessia Arena sul tema del rapporto nella terza età tra identità e relazione con il proprio corpo nelle RSA della Val di Pesa e del Chianti…

roma-fringe-festival-2020

Non solo Napoli

Filumena – emigrata napoletana in Svizzera e amata interprete di “Voci d’Altre Terre”, “I viaggi di Gwendolyn” e “C’era una volta Broadway” – dopo una vita di sacrifici per la famiglia “a fare la serva di casa, per tutta la famiglia, nipoti compresi, come una vaiassa” riprende in mano la sua passione per la musica e il “cabbaretto”…

roma-fringe-festival-2020

Il filo spezzato

In un appartamento qualsiasi, nascosto in una selva di palazzi malconci e anonimi, come tanti ve ne sono a Roma, due coinquilini, Dario e Davide, affiancati occasionalmente dal fidanzato di uno dei due, Andrea, che amano il teatro e che di teatro vorrebbero vivere, tentano almeno di sopravvivere…

Roma-fringe-festival-2020

Goodbye Mr. G

Siete stati cortesemente invitati alla veglia funebre del Signor G.
Sono poche le persone presenti che conoscevano veramente il pover’uomo ma Padre Grillo invita comunque tutti loro a condividere qualche parola.

Roma-fringe-festival-2020

Enio. Materiali per una terra perduta

Un viaggio attraverso la Turchia alla ricerca dei resti dell’antica Troia crea immagini che mescolano le antiche alle nuove guerre delle regioni del medio oriente. Se dovessimo datare questo viaggio che il narratore svolge dovremmo partire dalla fine del settembre 2019…

roma-fringe-festival-2020

Corri

“Corri” è una storia che inizia con un uomo che precipita dal quarto piano: Aldo Amedei.
“Corri” è una storia che finisce con Aldo Amedei che, conclusa la maratona di New York, già pensa a quella di Tokyo.
In mezzo, il percorso faticoso, crudele, struggente del protagonista…

Roma-fringe-festival-2020

Come sto

Quotidianamente siamo assediati dalla domanda “Come stai?”. Una gentilezza di circostanza, una domanda affettuosa o semplicemente una mera formalità che lascia aperto un problema profondo: Come sto? Sto bene, sto male, abbastanza bene, abbastanza male…

Assemblaggio

Quattro maestre, bendate e legate assieme, danzano come ingranaggi su quattro cubi, costrette a compiere equilibrismi tra gli alunni, le istituzioni e le loro esistenze. Tre di loro vivono una vita come tante, frustrate e oppresse. Ma la presenza di una giovane maestra rompe gli schemi…

Antigone

Il punto di partenza di questo lavoro è stato nell’indagare il contatto fra una tragedia scritta agli albori della civiltà occidentale e il nostro presente, non solo a livello tematico, ma anche formale. In altri termini, questo ha voluto dire indagare la tipologia di teatro che è stata la tragedia ai tempi della Grecia e fare in modo che questo nucleo si possa aprire nel qui e ora…

A quel paese

In una grande e caotica città vive Bruno Silenti, un uomo riservato e abitudinario. Allontanatosi dalla donna che ama, ora vorrebbe riconquistarla, ma il suo orgoglio gli impedisce di farlo. Un giorno, durante la sua classica coda settimanale all’ufficio postale, incontra un uomo, Felice Speranza. Il nome è tutto un programma…